Chi sono – curriculum

marco_confortola_2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tappe

  1. Il 17 settembre 1990 divento Aspirante Guida Alpina, la più giovane d’Italia per 5 anni.
  2. Il 28 giugno 1993 divento Guida Alpina Internazionale, la più giovane d’Europa per 4 anni.
  3. Dal 14 settembre 1995 sono Maestro di sci, disciplina Alpina.

Faccio parte del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino:

  1. dal 1994 come istruttore
  2. dal 1995 come tecnico di elisoccorso 118 di base a Caiolo (Sondrio)
  3. dal 1990 al 2003 come vice capo stazione di S. Caterina Valfurva

La mia carriera alpinistica

  1. 2001 – discesa estrema parete nord pizzo Tresero
  2. 2002 – concatenamento 5 pareti nord: Tresero, Pedranzini, Dosegù, San Matteo, Cadini (8 ore e 40 minuti salita e discesa)
  3. 2003 – discesa estrema parete nord San Matteo
  4. 2003 – prima discesa italiana e seconda mondiale parete nord Ortler
  5. 2004 – prima salita valtellinese monte Everest 8848 mt. versante nord
  6. 2005 – concatenamento 4 pareti nord: Ortler, Gran Zebrù, Piccolo Zebrù, Tresero – dedicato a tutte le mamme del mondo – (7 ore e 45 minuti salita)
  7. 2005 – Shishsa Pangma (cima centrale 8017 mt.)
  8. 2006 – Shsisha Pangma (cima principale 8027 mt.)
  9. 2006 – Annapurna 8091mt.versante nord
  10. 2007 – Cho Oyu 8200 mt. (salita veloce campo base cima-campo base 26 ore)
  11. 2007 – Broad Peak mt. 8047
  12. 2008 – durante la spedizione Share Everest 08 ho collaborato assieme a Gnaro Mondinelli e Michele Enzio all’istallazione della stazione meteo più alta del Mondo a quota 8.000 mt. sul Colle Sud del monte Everest
  13. 2008 – K2 via Sperone Abruzzi. Durante la spedizione si è consumata una delle peggiori tragedie alpinistiche, 11 alpinisti hanno perso la vita mentre io sono riuscito a rientrare al base grazie alla fortuna, alla forza fisica, alla determinazione a NON MOLLARE e alle preghiere dei miei famigliari.
  14. 2010 – Lhotse – ho dovuto rinunciare a quota 7.900 mt a causa del forte freddo
  15. 2011 – a causa di una caduta con gli sci e alla conseguente operazione alla testa, ho dovuto rinunciare alla spedizione in programma per la primavera 2011 al Dhaulagiri.
  16. 2012 – in primavera sono partito per il Dhaulagiri purtroppo però ho dovuto abbandonare il mio tentativo di vetta a quota 7.500 mt. ca. a causa del forte freddo ai piedi.
  17. 2012 – in autunno ho raggiunto la cima del mio SETTIMO “ottomila” ovvero il Manaslu
  18. 2013 – 21 Maggio, raggiungo la vetta del Lhotse, la quarta montagna più alta della Terra con i suoi 8.516 m

Per tutte le spedizioni (tranne il K2 e il Lhotse) ho avuto come compagno di spedizione Silvio “Gnaro” Mondinelli a cui sono molto legato in quanto lo considero il mio fratello d’Himalaya.